Dal 25 agosto 2003



febbraio 2005 < marzo 2005 > aprile 2005


Il dott.Emoto e sua moglie hanno in programma il volo per Singapore nel primo pomeriggio di oggi. Si potrebbe pensare che quindi avranno una dolce mattinata e tempo sufficiente per arrivare all’aeroporto e prendersi un the’ o qualcos’altro. Tuttavia, visto il breve soggiorno in India, il dott.Emoto ha voluto incontrarsi con quanta piu’ gente possibile e cosi abbiamo previsto un altro seminario nel mattino.

 

E’ stato un seminario di un’ora per le novizie (le donne che stanno studiando per diventare suore) del DMI. Visto che non avevamo abbastanza tempo, il dott.Emoto ha tenuto il seminario lui stesso in inglese. E’ stata la prima volta per me sentirlo dare un seminario in inglese e mi ha insegnato altre cose sull’impiego di determinate parole o frasi. Penso anche che il suo inglese sia stato facilmente compreso dagli indiani, piu’ del mio inglese. Mi e’ sembrato bello che abbia concluso il suo seminario in India in inglese.

 


con le sorelle del DMI.

 

Quale segno di benvenuto, la gente ci faceva un segno rosso sulla fronte ovunque andassimo.

 

 

A tutti i seminari svolti in India siamo stati ricevuti molto bene. Fr.Arul Raj ha chiesto “Quando torneremo? Ci sono gia’ due, tre scuole che hanno richiesto che veniate a parlare. La prossima volta ci saranno 1000 o 2000 studenti.”

 

Il DMI ha un’ampia rete di contatti; specialmente le donne del gruppo conta circa 10,000 membri. Credo che questa visita in India abbia iniziato a diffondere il messaggio del dott.Emoto in questa parte del mondo.

 

Tenuto conto che al dott.Emoto piace il curry, nonche’ mangiare con le mani, e crediamo tutti che sia stato un indiano in una sua vita passata, son sicuro che tornera’ nuovamente in questi posti. E spero che gli studenti ci accoglieranno altrettanto calorosamente come hanno fatto questa volta

 

Signor e signora Emoto, ho ancora molto da imparare da voi, ma grazie per avermi portato in viaggio con voi in Tailandia e in India. Avete ancora oltre due mesi di viaggi in Europa e USA ma se siete sopravvissuti in India sono sicuro che il resto del viaggio scorrera’ via liscio. Fatemi sapere se avrete bisogno di un assistente!

 

Ayano Furuya, segretario dell’IHM


Il primo vero seminario di Emoto sul “Messaggio dall’Acqua” in India e’ stato presentato davanti agli studenti del primo anno del DMI College d’Ingegneria. I duecento studenti ci hanno accolto con un gran giro di applausi non appena siamo entrati nella sala.

 

Siccome gli studenti del college parlavano inglese, mi e’ stato chiesto di fare ancora da traduttore. Questa volta ero un po’ nervoso, perche’ dovevo parlare ad un pubblico piu’ grande di quello della Tailandia. Ma confidavo della mia buona comprensione con i seminari di Emoto, dato che ne avevo potuti ascoltare vari, sia durante questo viaggio che in passato. E sto pertanto diventando familiare anche con il modo di parlare di Emoto.

 


Abbiamo ricevuto un’enorme ghirlanda come segno di benvenuto. Ha un buonissimo profumo e pesa pure!

 

Comunque, siccome l’inglese e’ la seconda lingua per gli studenti e la mia pronuncia dell’inglese e‘ un po’ piu’ vicina a quella americana, era difficile per gli studenti di capire tutto e a meta’ seminario mi hanno chiesto di parlare piu’ lentamente. Ho provato a parlare piu’ lentamente e pronunciare il piu’ chiaro possibile, ma ero preoccupato di quanto avessero capito fino ad ora del seminario.

 


il seminario al College. Un seminario accaldato sia per gli studenti che per noi.

 

Nonostante cio’, una sorella ha detto riguardo al seminario del dott.Emoto di un “discorso ispiratore”. E si, le parole del dott.Emoto insegnano all’ascoltatore a vedere da un altro punto di vista e fanno capire come ogni persona abbia il potere di cambiare l’acqua e quindi di cambiare noi stessi. Non e’ necessario capire ogni singola parola e idea del seminaio per cogliere il piu’ grande messaggio dell’acqua.

 

Quando ho capito cio’ ho compreso la grandiosita’ dei seminari di Emoto e dei suoi cristalli d’acqua. Anche nella sua complicata teoria ci sono delle ispirazioni che chiunque puo’ interpretare. Senza capire ogni singola parola, il seminario e i cristalli hanno comunque il potere di veicolare questo messaggio.

 

Abbiamo realizzato due seminari al mattino e uno al pomeriggio. E’ stata dura per noi dato il caldo e solo un ventilatore sul soffitto non e’ bastato a darci un po’ di fresco per tutta la durata del seminario, ma credo che ne sia valsa la pena, per essere riusciti a parlare ad oltre 500 studenti oggi. Tutti sono rimasti in attento ascolto. Vi ringraziamo.

 


l’attenzione della signora Emoto era sempre alle mucche che giravano per le strade. Alla fine e’ riuscita a fare una foto con un vitellino che era tenuto al guinzaglio al college.

 

Ayano Furuya, segretario dell’IHM


Abbiamo compiuto senza problemi la nostra missione in Tailandia e poi oggi ci siamo spostati verso il sud dell’India, nella citta’ di Chennai. E’ una delle citta’ colpite dallo tsunami dello scorso anno, ed e’ anche la citta’ dei quartier generali dell’Ong DMI, che lavora con le popolazioni colpite dallo tsunami. Siamo venuti in questa citta’ per portare un sostegno economico al progetto DMI di un orfanotrofio per i bimbi rimasti soli dallo tsunami, ma anche per far sapere a quanta piu’ gente possibile riguardo le idee del dott.Emoto e sull’importanza dell’acqua e della coscienza.

 

Siamo arrivati all’aeroporto di Chennai nel pomeriggio e abbiamo incontrato alcune sorelle del DMI. Emoto e sua moglie sono potuti rimanere in India solo due notti e quindi il programma era piuttosto pieno, ma il dott.Emoto era felice nel dire “Potro’ parlare a cosi tanta gente”. Capisco che la sua gioia e lo scopo della sua missione e’ quello di portare il messaggio dell’acqua a quanta piu’ gente possibile.

 

Siamo stati in visita ad un gruppo di mutuo aiuto di povere donne lavoratrici che vivono in una baracca, come pure in una scuola di sostegno per i bambini di quel quartiere. La’, varie capanne e lamiere erano poste sulla terra polverosa, mentre bimbi a piedi nudi correvano tra le mucche che masticavano nell’immondizia.

 

La gente di questo villaggio e’ raccoglie le pietre dalla montagna vicina e le spacca per poi farne delle costruzioni. Pero’, anche se lavorano tutto il giorno, non racimolano una gran somma. La maggior parte del guadagno rimane alla ditta che li assume per fare questo lavoro da spezzarsi la schiena.

 

Le sorelle del DMI sono prima andate in questo villaggio, hanno raccolto le donne e insegnato loro l’importanza di risparmiare il denaro. Fino ad allora, utilizzavano tutto il denaro guadagnato nella giornata e non mettevano nulla da parte in caso di emergenze e cosi poi dovevano chiedere soldi in prestito agli usurai della zona. Le suore hanno anche portato fuori le donne che rimanevano chiuse in casa senza nessun potere e hanno creato un fondo con il quale possono prestare denaro o usarlo per chiedere un prestito maggiore alle banche.

 


con il gruppo di mutuo aiuto delle donne.

 

Il dott.Emoto, sua moglie ed io abbiamo potuto incontrare alcune di queste donne a parlare con loro. Le signore erano tutte molto vivaci e fiduciose sulla possibilita’ di cambiare le loro vite con le loro stesse forze. Le sorelle DMI hanno semplicemente dato a queste donne i mezzi per venirne fuori, ma poi sono state queste stesse donne a riuscire nel far mettere l’energia elettrica in tutta la zona, o a costruire una strada nuova. Ho davvero sentito la forza delle attivita’ locali, delle iniziative che partono dal basso. E queste donne sono cresciute di numero, andando a presentare ad altre persone e dando una speranza concreta ai loro sforzi. Attualmente, dicono di essere circa 10.000 donne che lavorano tra tutti i vari gruppi di donne formatisi nell’area.

 

Dopo aver raccontato queste storie, poi hanno chiesto al dott.Emoto di parlare a sua volta. E ha iniziato dicendo: “Il 20mo secolo e’ stata l’era del fuoco. Il 21mo secolo e’ l’era dell’acqua”. Mentre traducevo in inglese mi chiedevo di cosa stesse parlando. Ma mi ha risposto subito con la frase seguente, “in altre parole, il 20mo secolo e’ stata l’era degli uomini, ma il 21mo secolo e’ l’era delle donne”. Non appena le donne hanno sentito cio’, i loro volti si sono illuminati e sono partiti gli applausi.

 

Proprio cosi, i discorsi di Emoto sull’acqua si possono collegare all’indipendenza e alle attivita’ delle donne. Ho sentito di aver toccato un apice nel profondo significato di cosa il dott.Emoto intenda per l’acqua, per coscienza, e la legge di un amore e due riconoscenze.

 

Piu’ tardi c’e’ stato un po’ di tempo che abbiamo potuto passare con alcuni dei bimbi del centro di sostegno. Erano tutti a piedi nudi, ma avevano gli occhi belli luminosi e pieni di curiosita’. Il dott.Emoto ha chiesto ai bambini di aver molta cura dell’acqua che si usa ogni giorno, poiche’ senza di essa nessuno potrebbe vivere. E visto che noi stessi siamo fatti d’acqua, se all’acqua piacciono le parole buone, specialmente quelle dell’amore e del grazie, allora dovremmo cercare di avere sentimenti e parole buone anche nella nostra vita. Quindi, cerchiamo di usare parole buone e dire all’acqua quanto l’amiamo e la ringraziamo allo stesso tempo.

 


insieme ai bambini, il dott.Emoto ha condiviso una canzone con loro.

 


i bambini che danzano per noi.

 

Proprio cosi, poiche’ l’acqua e’ una sostanza necessaria ed importante per tutti noi, ha la capacita’ di raccontare a tutti ugualmente. Credo che al posto del solito seminario, questo e’ stato un dialogo utile per entrambi, e queste donne e bambini erano in profonda risonanza con quello che diceva Emoto.

 


Inviamo le nostre preghiere all’acqua della baraccopoli.

 


Sorgenti d’acqua che fuoriesce dalla montagna scavata per la raccolta delle pietre. 

 


La Tailandia e’ famosa per essere un paese Buddista. Visto che era la prima volta in Tailandia sia per Emoto che per sua moglie, l’organizzatore ha previsto un giro della citta’ durante la mattinata. Cosi siamo andati a vedere il luogo piu’ frequentato dai turisti, il Grand Palace.

 

Nonostante abbia visitato quel posto in passato, mi sono dimenticato che non potevo portare i sandali e la canottiera, fino a quando non mi hanno fermato all’ingresso. Cosi, seppur esitante, ho dovuto prendere in prestito una maglietta e delle scarpe dal centro visitatori, ma la cosa peggiore e’ che ho dovuto mettermi dei calzini bianchi come quelli che portano i vecchi con le ciabatte. E stavo morendo dal caldo con quella maglia in piu’ e le calze. Su in cima al Grand Palace tutto era coperto da materiale risplendente che rifletteva il sole abbagliante della Tailandia. C’e’ un tempio dentr al palazzo, e siccome la gente crede che piu’ brilli e piu’ attiri gli dèi, il tempio e’ completamente luccicante! Molto diverso dalla quiete dei templi giapponesi.

 


La risplendente costruzione del Grand Palace. Avete visto la mia maglietta, i calzini e le scarpe prestate?

 

Siccome oggi era domenica, non c’erano solo i turisti ma anche i visitatori locali ed erano davvero tanti. Sembra che tutti i tailandesi adorino il re e la famiglia reale.

 

Cosi, nel pomeriggio, era previsto un seminario in una scuola di Bangkok che era molto attenta alla natura e ad uno speciale sistema educativo. Con un simile sistema educativo, le idee del dott.Emoto e i suoi cristalli puri possono essere accolte molto piu’ facilmente qui. La scuola si chiama Rung Arun e venne costruita con una forte inluenza del sistema educativo steineriano. Tuttavia, la differenza tra le altre scuole steineriane e questa e’ che qui hanno inserito centralmente la filosofia Buddista, per essere in linea con la cultura Thai. Inoltre, danno grande enfasi nello studio della natura. Pertanto, anche se la scuola e’ in Bangkok, l’area e’ molto vasta, con spazi boschivi e un grande stagno. C’era un’atmosfera molto rilassante. Come direbbe il dott.Emoto, il Hado e’ diverso all’interno dell’area della scuola.

 


con il rettore della scuola Rung Arun.

 

La scuola e’ fatto completamente in legno e con molti spazi aperti. I bambini che possono studiare e giocare cosi liberamente in un posto cosi devono essere molto felici. Purtroppo, non c’erano molti studenti al seminario, essendo domenica, ma e’ sembrato essere piu’ intimo e interattivo con meno persone.

 

Io ero il piu’ felice per il fatto che fosse un piccolo gruppo. Mi era stata data l’opportunita’ di viaggiare con il dott.Emoto e sua moglie in quanto ho abitato in Tailandia per circa un anno e potevo aiutarli negli spostamenti e nel lavoro di segretariato. Pensavo che avrei fatto delle traduzioni per Emoto ma credevo fossero solo incontri personali con alcune persone. E invece, inaspettatamente mi sono trovato a tradurre questo seminario. Siccome era una scuola in inglese, tutta la gente parlava l’inglese.

 


la scuola Rung Arun

 

Penso di essere andato sufficientemente bene come seminario di debutto, che forse mi verranno concesse altre opportunita’ in futuro. Attraverso la traduzione, e anche perche’ ho sentito i seminari del dott.Emoto oramai piu’ di una volta, inizio lentamente a capire piu’ in profondita’ il significato dei suoi discorsi e il collegamente tra me stesso e la natura.

 

Ayano Furuya, segretario dell’IHM

 


Ho avuto l’opportunita’ di viaggiare con il dott.Emoto nei primi due paesi degli 80 giorni consecutivi di tour mondiale. Il primo paese e’ stato la Tailandia, nota come la terra dei sorrisi, e davvero qui sono tutti molto amichevoli.

 

Abbiamo avuto il primo seminario della lunga tourne’ del dott.Emoto al secondo giorno in Tailandia. E’ stato tenuto in una delle piu’ prestigiose e storiche universita’ del paese, l’ Universita’ Chulalongkhorn.

 


Il seminario tenutosi all’Universita’ Chulalongkhorn

 

Il seminario e’ stato organizzato dall’editore della versione tailandese de “Il messaggio dall’Acqua”, insieme alla generosita’ del professore universitario che ha permesso di realizzare l’evento in un simile posto.

 


con gli organizzatori e lo staff. L’uomo alto dietro e’ il sig.Hans, l’editore. L’uomo a sinistra del dott.Emoto e’ il prof.Chumpol.

 

Questa e’ stata per me la prima volta che ho potuto ascoltare un seminario del dott.Emoto fuori dal Giappone. Il dott.Emoto parlava in giapponese e una bellissima traduttrice lo presentava in Thai. Non so se e’ perche’ il dott. Emoto parlava piu’ lentamente e chiaramente per la traduzione, ma mi sembrava che il seminario fosse piu’ interessante di quello fatto in Giappone. Durante il seminario ero tra il pubblico, gustandomi il discorso.

 


La coda di persone che non sembra finire.

 

Era prevista una pausa tra il seminario e la parte di domande e risposte, ma cosi tante persone volevano l’autografo di Emoto che abbiamo messo un tavolo vicino a dove vendevano il libro “Il messaggio dall’Acqua” per soddisfare le richieste. Il dott.Emoto firmava libro dopo libro ma sembrava che la coda di persone non diminuisse. Non ha potuto neanche bersi un caffe’. E l’organizzatore diceva: “e’ come una star di Hollywood”.

 

Probabilmente a causa del seminario, ho sentito che sono andate vendute circa 100 copie del libro durante la sessione.

 

Sono sicuro di non essere stato l’unico ad aver pensato che il primo seminario della serie si e’ concluso molto bene.

 

Comunque, il traffico a Bangkok e’ semplicemente incredibile. Ci muovevamo cosi lentamente in un ingorgo stradale per 20 minuti che se avessimo fatto inversione di marcia ci saremmo ritrovati al punto di partenza in meno di un minuto. Non si puo’ trovare una via piu’ adatta?

 

Ayano Furuya, segretario dell’IHM.

 


* Giovedi, marzo 10 - venerdi 11, 2005 iniziano 13 giorni di seminari (il seminario Amway)

Iniziano oggi 13 giornate consecutive di seminari, secondo il seguente programma

 

Gio 10

seminario organizzato dal distributore Amway – Tokyo

Ven 11

Idem

Sab 12

seminario per la pianificazione della fondazione IHM (Kyoto)

Dom 13

seminario organizzato dagli abitanti di Odawara (Odawara)

Lun 14

NPO – creazione della Fondazione Internazionale Acqua per la Vita – Seminario gratuito Maebashi-shi

Mar 15

idem a Saitama-shi

Mer 16

idem a Utunomiya-shi

Gio 17

idem a Chiba-shi

Ven 18

idem a Kufo-shi

Sab 19

idem a Shizuoka-shi

Dom 20

idem a Yokoama-shi

Lun 21

seminario BeOne a Niigata (Niigata-shi)

Mar 22

Giornata Mondiale dell’Acqua alle Nazioni Unite – Seminario a Tsuchiura, cerimonia a Kasumigaura – sera, seminario NPO a Mito-shi

 

Non mi lamento certo di questo programma cosi pieno perche’ sono stato io a volerlo e vedro’ di essere all’altezza.

 

Il primo di questa serie di seminari e’ stato organizzato dal compositore della melodia “Il canto dell’acqua”, Ryusuke Seto, per i distributori Amway. Egli di fatto lavora per Amway da oltre 20 anni e si trova in uno dei posti dirigenziali dell’organizzazione. L’iniziale incontro con Ryusuke fu intermediato dalla nipote di mia moglie, anch’ella distributrice Amway nel suo gruppo.

 

Il seminario e’ stato programmato inizialmente per l’11 marzo, ma i biglietti sono stati venduti subito dopo che Ryusuke ha pubblicizzato l’annuncio dell’organizzazione di questo seminario. Cosicche’, all’ultimo momento, abbiamo aggiunto un giorno di seminario, per il 10 marzo. La sala era nel palazzo Amway, vicino a Shibuya’s NHK. C’erano circa 500 posti. Mi ha impressionato la capacita’ di Ryusuke di mobilitare la gente a venire al seminario.

 

In entrambe le sessioni la sala era piena. L’inizio di questo tour di 13 giorni di seminari e’ stato dunque promettente. La risposta del pubblico e’ stata piu’ vicina a quella americana, nel senso che il modo in cui la gente ha acclamato e applaudito non era molto giapponese. La gente ha anche fatto una standing ovation alla fine del secondo seminario, prima esperienza simile in Giappone.

 


gli applausi del seminario Amway

 

La rete di energia che ho sentito li e’ stata simile con quella delle persone che mi hanno aiutato a diffondere il mio libro “Il messaggio dell’Acqua” pubblicato in modo indipendente. Il libro e’ stato diffuso con l’aiuto delle parole dette soprattutto per bocca delle donne, in quanto questo libro non si trovava in tutte le librerie. Anche a questo seminario, di 1000 persone 900 erano donne. E mi ha sorpreso vedere che la maggior parte di loro erano giovani. Ho ricevuto da tutti un buon hado e mi sono sentito molto bene e vi ringrazio molto.

 

Al secondo giorno e’ venuta anche la figlia di Ryusuke, Hanako. Loro due insieme hanno interpretato “Il canto dell’Acqua”, con le loro bellissime voci che hanno affascinato tutto il pubblico. Questo canto mi stupisce ogni volta e spero che anche voi abbiate la possibilita’ almeno una volta di sentirlo. Magari posso presentarvi qui i versi ai quali anch’io ho contribuito.

 

- IL CANTO DELL’ACQUA –
Musica: Aman Ryusuke Seto
Versi: Luvian Hanayo Seto


Nelle lontananze dell’Universo, questa stella risplendente nostro pianeta
meraviglioso, Stella d’acqua Bianca-argentata,
Fiume di luce, attraverso la Via Lattea,
Mi chiedo perche’ sia qui su questa terra.


Perche’ respiriamo? Dove andremo da qui?
Poniamoci anche noi la stessa domanda e all’acqua in ognuno di noi.


Tutto quello di cui abbiamo bisogno e’ Amore.
Tutto quello di cui abbiamo bisogno e’ un Grazie.
Daremo questo semplice dono
tutti insieme in una sublime Armonia.


Ascolta la voce dentro di te, l’acqua all’interno di ognuno,
Ci sussurra nell’animo, danzando pura, cristallina.


Cantale una melodia con la voce dolce di un angelo.
Donando Armonia puoi trasformare tutto.


Gocce di pioggia cadono dai cieli, il dono piu’ prezioso della Natura
Che porta con la Luce dell’Amore il blu della nostra terra.


Tutto quello di cui abbiamo bisogno e’ Amore.
Tutto quello di cui abbiamo bisogno e’ un Grazie.
Daremo questo semplice dono
tutti insieme in una sublime Armonia.


E prendiamoci tutti per mano, condividendo la luce e l’armonia.
Riempiamo i nostri cuori con la Luce e l’Amore.


Tutto quello di cui abbiamo bisogno e’ Amore.
Tutto quello di cui abbiamo bisogno e’ un Grazie.
Daremo questo semplice dono
tutti insieme in una sublime Sinfonia.

 

 


Oggi a Kanda ha avuto luogo il simposio organizzato in occasione della commemorazione della costituzione dell’Associazione Giapponese Hado. Ci sono sempre state organizzazioni e associazioni d’ogni tipo per la medicina alternativa, ma a sorpresa questo e’ stato il primo tentativo volto alla creazione di un’associazione per il Hado.

 


 
Il dott.Terayama e’ venuto a sostenerci,

incantandoci con un bellissimo pezzo interpretato al violoncello.

 

Come pioniere del hado sono felice di come infine abbia preso forma. E sono incantato soprattutto perche’ il direttore di questa associazione e’ il dott.Kawashima. E’ uno degli istruttori Hado che ho formato io personalmente, ed e’ anche professore all’Universita’ di Medicina per le Donne di Tokyo. Ha appena poco piu’ di 40 anni, mentre i direttori di simili enti sono generalmente piu’ anziani, dei professori in pensione. Ma pare che la nuova generazione inizi ad implicarsi sempre di piu’.

 


Il dott.Kawashima ed io.

Io sono diventato il consigliere principale.

 

Nel campo del Hado, il dott. Kawashima ed io siamo come studente e professore, mentre sul piano personale siamo come dottore e paziente. Per questo motivo abbiamo una relazione speciale, nella quale abbiamo ogni volta occasione di imparare dall’altro, avendo fiducia l’uno dell’altro.

 

Incontrai il dott.Kawashima per la prima volta ad un seminario per istruttori di Hado, otto anni fa. Alla festa dopo il seminario mi disse “Il mio scopo e’ quello di trasformare questo mondo in un mondo che non abbia bisogno di neanche un medico”. Ho incontrato tanti medici interessanti, ma lui e’ stato il primo a dirmi questo. Mi sorprese e allo stesso tempo mi sono sentito molto vicino a lui.

 

E come direttore, durante il discorso di oggi ha affermato la stessa cosa davanti a 500 persone. Sono convinto che molti tra loro saranno rimasti sorpresi nell’udire cio’. Potrebbero esserci state persone che avranno pensato che una societa’ senza medici non puo’ esistere. Per quel che mi riguarda, voglio aiutare il dott.Kawashima il piu’ possibile nel diffondere l’idea che chiunque si puo’ guarire da solo.

 

Il mio forte attaccamento alla parola “HADO” l’ha fatta diventare nota al mondo, cosiccome la parola “TSUNAMI”. Spero davvero che tramite questa associazione si potranno creare le fondamenta per una ricerca seria e con attivita’ di grande importanza, in modo che i mass-media e le classi superiori non possano piu’ ignorare HADO d’ora in avanti.

inizio pagina

prima pagina


::::::::::Copyright(c)2003 Masaru Emoto All Rights Reserved::::::::::