Dal 25 agosto 2003


agosto 2005 < settembre 2005 > ottobre 2005



* Venerdi, 30 settembre 2005,  IHM Celebrazione del Nuovo Anno Finanziario

Il 10 settembre, sono 20 anni che viaggio negli Stati Uniti ed in Europa. Sono appena ritornato in Giappone ieri, 29 settembre. Senza il tempo di rilassarmi, ho dovuto participare ad un incontro molto speciale per la IHM, al Hakozaki Royal Park Hotel.

Deve essere la presentazione del nuovo anno finanziario, però vedo questa occasione come un evento formale per presentare il nuovo presidente della società. Il nome del nuovo presidente è Hirotsugu Hazaka (52 anni) di Sendai. Lui ha una società che si chiama Oak Japan, creata 25 anni fa. E‚ diventato presidente in aprile di questo anno.

Vorrei spiegarvi come e‚ diventato presidente di IHM.

L‚ho incontrato per la prima volta in aprile, l‚anno scorso, a Hado-jyuku. C‚era un uomo energico li. Questo era il sig. Hazaka. Da quel giorno ho avuto l‚occasione di incontrarlo più spesso. Due settimane dopo è venuto ai miei seminari in San Francisco, Denver e Los Angeles. La cosa curiosa era che lui non capiva l‚inglese.

"Esiste qualcosa in te che mi arriva direttamente al cuore". Mi ha detto mentre mi aiutava ha rilasciare autografi.

Durante questo viaggio americano, per l'appunto entrò in un cinema dove si programmava il film "What the Bleep Do We Know!?". I produttori di questo film hanno realizzato un trailer speciale che conteneva una parte delle foto dei cristalli e ne hanno distribuito 8000 copie nelle 13 città dove in seguito si tenevano i seminari. Il sig. Hazaka si è interessato e ne ha preso anche lui una copia, prima di tornare in Giappone.

La volta successiva che l‚ho visto è stato 20 giorni piu tardi, al seminario di Yamagata, in Giappone. Lì, mi ha dato il trailer del film però con i sottotitoli in giapponese. Sono stato molto sorpreso e felice, soprattutto perchè è stato un gesto inaspettato.

"dove hai trovato questo? Chi l‚ha fatto tradurre? " ho chiesto. "C‚è gente che parla l‚inglese e il giapponese anche in Senda" ha risposto. "E‚ straordinario! Quanto è costato?" "Non vi preoccupate per i soldi. L‚ho fatto per conto mio." Ha risposto senza esitare.

Ho avuto molti sostenitori come lui, però è stato il primo che ha fatto un gesto così importante. Ho sentito che questo uomo aveva qualcosa di differente e speciale.

Aveva anche altre caratteristiche che risuonavano con me: la sua purezza, il suo modo rapido di agire e il suo modo di essere. Gradualmente, ho cominciato a vedermi in lui. Lo vedevo come qualcuno che puo‚ prendere la mia posizione nella società.

Come risultato, è diventato un CEO nella IHM in ottobre, l‚anno scorso. Dopo sei mesi l‚ho convinto a prendere il posto di presidente. Da quel momento, questa sfida con se stesso, ha provocato in lui qualcosa di straordinario.

Oggi è il 53-esimo compleanno del presidente Hazaka. E‚ un giorno importante. Lui ha chiamato tutti i suoi dipendenti, circa 30, anche quelli che lavorano negli Stati Uniti ed in Europa. Abbiamo avuto anche 50 invitati tra qui il sig. e la sig.ra Toshio Masuda. Abbiamo brindato con tutti e abbiamo festeggiato la nascita della nuova IHM.

Per cui, domani posso partire tranquillo per il prossimo viaggio americano di 40 giorni. Spero che tutti sostengano il sig. Hazaka e la IHM.


I membri IHM nella nuova formazione
Il terzo da sinistra è il nuovo presidente Hirotsugu Hazaka


* Venerdi, 23 settembre fino a mercoledi, 28 settembre 2005 
Spagna puoi Austria

La nostra successiva destinazione, dopo la Spagna, è stata l’Austria. In Spagna sono stato nella stazione di Riopar, a circa 300 km da Barcellona, per partecipare ad una conferenza con soggetto l’acqua.

Il giorno 23 siamo stati presentati da Rosa Maria, una degli organizzatori del evento (è una donna di ottanta anni ed è la responsabile del fan club Emoto, in Spagna), ad un dottore molto rispettato. Egli è un medico che fa operazioni senza usare l’anestesia. E’ anche un pittore, uno scultore, un imprenditore ed un compositore. E’ come un Leonardo Da Vinci dei nostri tempi.


Visita al famoso dottore Escudero
Vorrei scrivere più cose di lui nei prossimi diari

La conferenza per l’acqua è iniziata il giorno seguente, il 24. Sono stato sorpreso che l’evento è stato organizzato dagli ammiratori di Emoto, di Spagna, guidati da Rosa Maria. Anche se il posto dove si teneva l’evento era in una foresta, sono venuti 300 persone circa, da diverse località, anche dal Portogallo, per ascoltarmi. Per quello che riguarda Rosa Maria, lei ha guidato circa 9 ore, per arrivare in questo posto. Ed ha oltre 80 anni!

Grazie a questo, la conferenza si è sviluppata molto bene e noi (io, mia moglie, Otake e Rasmus) siamo stati molto felici e impressionati.


Dalla Barcelona, sulla strada a Riopar
Nell'ultimo periodo, vedo una multitudine di mulini a vento in tutta l’Europa

La famosa cascata dalla Riopar
Una intervista nello stesso posto

Il giorno 26, Rasmus, mia moglie ed io abbiamo volato da Barcelona a Klagenfurt, in Austria. Abbiamo participato ad una conferenza dell’acqua, nel luogo più ricco di laghi dell'Austria. E’ stata una conferenza però sono stato l’unico relatore. Questa conferenza è stata organizata dal sig. Gunper, un uomo che ho incontrato nel Tirolo, l’anno scorso, in luglio.


La sala dove si è tenuta la conferenza

Loro hanno sostenuto un campagnia per la cura dell’acqua, negli ultimi due anni. Per cui, questa conferenza è stata sponsorizzata da questa campagnia. Anche il vice governatore di quel posto ha participato al mio seminario e mi ha regalato un libro.

Mentre ricevo un libro dal vistoso vice governatore
Un brindisi con l’acqua insieme con il vice governatore e con un personaggio dell’acqua

Sono stato molto onorato dell’invito di venire in questa paese, che ha le più grandi risorse del mondo di acqua ed una zona molto ricca di laghi.

Un paesaggio molto bello
I ghiacciai del più alto monte d’Austria si sciolgono anche loro


* Martedi, 20 settembre 2005,  Di nuovo un seminario a Copenhaghen

Il seminario di questa sera, dove sono stato l'unico relatore, è stato sostenuto nell’aula di una universita’ locale (Agli ultimi due seminari c'erano anche altri relatori). L’aula era piena di 200 persone circa. Quando si parla di sostenere un seminario, questo è il numero favorito di participanti.

Certo che ho attratto l’attenzione dei partecipanti. Alla fine delle 2 ore, ho ricevuto la prima ovazione in piedi della Danimarca. Si vede che è bene tenere un seminario da solo.


Chiudendo con l’ovazioni in piedi

Questa volta, di tutti i paesi scandinavi sono riuscito a visitare solo la Danimarca, però spero di visitare in futuro anche la Svezia, la Norvegia e la Finlandia.

Nella città di Copenhaghen
Un letto magnifico di fiori nell' aereoporto di Copenhaghen

* Lunedi, 19 settembre 2005, Un premio da un gruppo di Yoga

Non avevo programmato niente fino a sera, per cui ho fatto un giro della città di Copenhaghen, con la barca. Vorrei farvi partecipi di questa esperienza con qualche foto.


La statua di una sirena


C'erano molti turisti intorno alla statua

La sera siamo andati alla sede dell’associazione NATHA, un gruppo di Yoga, per ricevere un premio da loro. C'erano circa 30 persone, dove ho ricevuto un premio per la performance „di mostrare il mondo non visto”.

Ho ricevuto, anche un premio in soldi , 15.000 di corone (circa 2.000 Euro). Ho messo questi soldi da parte come donazione per il progetto EMOTO. (La prima donazione concreta). Sono molto grato.


Mentre ricevo il premio dall’associazione NATHA, un gruppo di Yoga con la sede in Copenhaghen. Quello di destra è uno dei direttori

Ho osservato che sono molti i gruppi di yoga che mi invitano ha sostenere dei seminari. Sono sorpreso della popolarità internazionale che ho ricevuto. Penso che il mondo vada nella buona direzione.


* Domenica, 18 settembre 2005 La conferenza di Aarhus

Aarhus si trova a 300 km nord-ovest di Copenagen. La conferenza è stata organizzata alla stessa maniera del il giorno prima. Rasmus mi ha accompagnato in questa città, il viaggio è durato tre ore. Lungo il percorso abbiamo attraversato un ponte molto lungo. Rasmus ha detto che „questo è il secondo ponte del mondo, come lunghezza. Penso che il ponte più lungo si trovi in Giappone”. Infatti, penso che il ponte più lungo sia il Ponte Seto.

La Danimarca, come l'Olanda, è un territorio piatto. Lungo la strada non ho visto nessun monte. Questo da un’immaggine di prosperità (ed in effetti è’ una zona ricca)

I partecipati erano quasi tutti di mezza eta’, come ieri. Dopo le reazioni entusiastiche con le quali mi sono abituato in America, sono rimasto un pò deluso della reazione di questa gente.

Pero’, se ci penso meglio, è normale che lo stile e il modo di reagire cambi in base alla zona geografica ed alla cultura. La reazione dei danesi assomiglia con certezza alla loro tipologia culturale. (infatti, anche i giapponesi sono più calmi)

Lasciando da una parte queste cose, ho avuto un’esperienza interessante. Uno degli istruttori di guarigione con i suoni, ha fatto a me una guarigione con i suoni. Come si puo vedere nelle foto sottostante.

 

La guarigione con la voce

Mi ha fatto sedere e mi ha rilassato, puoi dalla punta dei piedi fino alla punta della testa mi ha innondato con la sua voce unica. La sua voce era incredibilmente bassa, alla punta dei piedi e puoi è diventata sempre più alta quando saliva verso la parte superiore del corpo. Quando ha raggiunto la cima del capo la voce sua era armonica (overtone).

Penso che usi i principi della risonanza per scoprire le parti malate e per quelle trasmetta una frequenza risanatrice.

Sono rimasto impressionato e mi sono sentito rilassato, il sola problema è che ho notato il peso del guaritore. Però credo che questa tecnica è eccelente e merita che la medicina vibrazionale sia spiegata e sperimentata.


La prima conferenza del nord di Europa non è stata un seminario individuale, però sono stato invitato come relatore principale ad una conferenza di „sentire i suoni”.


La sala delle conferenze

La conferenza è cominciata alle 11 di mattina. Il traduttore è stata Midori Fisher, una donna che si è trasferita in Danimarca 42 anni fa. Era più anziana di me pero’ sembrava più giovane e parlava giapponese perfettamente. Anche il suo danese era perfetto per cui è stato per me un sollievo non dovermi preoccupare per cercare un traduttore per questi tre seminari organizzati in questo paese.

Mi preoccupo sempre riguardo il traduttore, quando vado in un altro paese dove non si parla inglese. Indifferentemente da come bene parlassi, se il traduttore non è abbastanza capace, la traduzione non è corretta per i partecipanti.

Se sono in un paese nel quale si parla l’inglese posso scegliere di parlare io in inglese, però se sono in un paese nel quale si parla una lingua completamente differente, lì non ho altra scelta. Sono successi molti incidenti per questa ragione, per cui non mi posso mai rilassare fino che non incontro il traduttore.

Poichè l’accesso al seminario costava 100 Euro, la maggioranza dei circa 200 partecipanti erano di mezza età; per cui erano più calmi e non mi hanno acclamato in piedi. Con tutto questo, l’organizzatore mi ha detto che sono stati tutti molto contenti, per cui credo che ho incominciato bene.

Nel pomeriggio, ho avuto una intervista di 2 ore per un film documentario. Alla fine ero molto stanco pero’ siccome sarò il primo che sarà presentato in questo film, seguito da altri 30 ricercatori, mi sono sforzato di essere il più esplicito ed interessante.

In quella notte ho cenato al ristorante del parco Tivoli con i signori Jens, gli organizzatori, loro tre amici e Ramsus con sua moglie. Il sig. Jens era un professore universitario, adesso guida una accademia culturale. Per cui conosce molte persone di cultura; è una persona calda e di fiducia. Sono contento di aver incontrato un persona così speciale.


Il parco Tivoli


Il famoso ristorante del parco Tivoli. Il secondo da sinistra è Jens e quello a sinistra di Jens è Rasmus con la moglie. Nel mezzo è la sig-ra Jens.


* Venerdi, 16 settembre 2005  Copenaghen, Danimarca

Dopo che abbiamo passato un giorno con il nostro nipote, (è stato un giorno solo, però mi sono rallegrato di tutto) noi, il nonno e la nonna, siamo partiti per Copenaghen, Danimarca. Il sig. e sig-ra Birkmose, gli organizzatori, insieme con Rasmus della Hado Life Europe e la sua sposa Lisbeth sono venuti li per incontrarci.

Andrò in Danimarca, Spagna e Austria per 12 giorni, insieme con Rasmus. Egli è austriaco però sua moglie, Lisbeth è danese. Sono venuti qui, da Copenaghen con la macchina . Sua moglie si è seduta affianco a noi alla prima cena di Copenaghen, dopo che ci hanno ospitato nella casa dei suoi genitori.

Vorrei presentarvi Rasmus e Lisbeth qui.

Rasmus è il figlio del sig. Georg Gaupp-Berghhausen, che mi ha sostenuto da quando sono arrivato per la prima volta in Europa per un seminario, cinque anni fa. In quel tempo Rasmus studiava l‚acqua all'università di Vienna. Georg e Rasmus hanno organizzato più volte i miei seminari e vi hanno partecipato per aiutarmi.

Rasmus è diventato rapidamente interessato alla fotografia dei cristalli di acqua; dato che studia l'acqua. Dopo che si è laureato. Egli è venuto in Giappone insieme con sua moglie Lisbeth, per un mese di specializzazione. Questo succedeva 3 anni fa.

Circa un anno e mezzo fa, ho fondato un laboratorio in Liechtenstein, rispettando la promessa che ho fatto a Rasmus. E' passato molto tempo da quando ha partecipato alla preparazione in Giappone, però ho saputo che si è dedicato a questo lavoro. Suo padre aveva relazioni con la famiglia regale del Liechtenstein, per cui ho deciso di fondare li un laboratorio.

Rasmus e Lisbeth si sono sposati e adesso hanno una bambina e un bimbo. (Lisbeth ha concepito la bimba in Giappone, nel periodo di preparazione, per cui gli hanno dato il nome di Tokio Baby)

Rasmus partirà per il Giappone e vi rimarrà una settimana per partecipare alla riunione generale dei membri IHM, dopo viaggerà insieme a me nei paesi gia menzionati. Lisbeth lo aspettarà a casa dei suoi genitori, insieme con i bambini.


Molta gente si preoccupa che io e mia moglie, abbiamo un programma di viaggio molto intenso, però esiste una sola cosa che aspettiamo con impazienza quando viaggiamo. Vedere il nostro primo nipote, il figlio di mia figlia che vive in Olanda.

Mio nipote è nato in 27 febbraio 2003. Se eravamo dei nonni comuni, eravamo fortunati di vederlo tre volte fino ad adesso. Comunque noi siamo riusciti ha vederlo già dieci volte.

Sono stato invitato a sostenere dei seminari fuori Giappone ormai da 5 anni. Ogni volta ho accettato ogni invito possibile, ho avuto l’occasione di rallegrarmi delle varie parti del mondo e ho voluto far conoscere a più gente possibile, il mio messaggio. Però, negli ultimi tre anni, il numero dei nostri viaggi è cresciuto rapidamente. Finalmente, mia moglie ha suggerito che „dai, è meglio se facciamo qualche giorno di pausa tra due viaggi”.

In quel tempo è nato mio nipote, Riku. All'improvviso mia moglie ha cambiato atteggiamento. Indifferente dove andiamo, in USA, Europa, Australia o Asia, mia moglie programma i viaggi così che ci fermiamo anche ad Amsterdam. Lei dice che se voli con l’aereo intorno al mondo è piu conveniente, costa di meno. La verità è che vuole vedere suo nipote.

Se il viaggiare per il mondo a fare seminari ha qualche importanza per questo mondo, il potere di mio nipote ha avuto un posto importante.

Così, questa volta, avevamo un seminario a Copenaghen in Danimarca, dopo gli USA da Sun Valley abbiamo volato a Salt Lake City, Chicago, Francoforte e puoi ad Amsterdam. E' stato un viaggio molto stancante però l’abbiamo fatto per vedere, per un giorno, nostro nipote. Non abbiamo avuto tempo neanche per restare una notte. Si vede chiaramente quanto siamo pazzi per nostro nipote.

Comunque, non importa quanto sono stanco perchè, come vedo mio nipote recupero tutta l’energia. E se guardate le foto sottostanti, capirete perchè è così (può essere perchè io sono il nonno?).



* Martedì 13 settembre 2005.  L'incontro con Sua Santità il Dalai Lama.

Il terzo giorno a Sun Valley, è stato il giorno nel quale avevo l'incontro con Sua Santità il Dalai Lama con un gruppo ristretto. Eravamo emozionati e la notte precedente non ho potuto dormire bene. Anche quella mattina, ero agitato, e sapendo che era là, non riuscivo a restare calmo.

Il nostro incontro era programmato alle 12.00, a pranzo, ma siamo arrivati al luogo dell'appuntamento, che era la casa del sig. Sokoloff, una mezzora prima. Quando siamo entrati, davanti a noi c'era un gruppo di persone che conversava in modo piacevole. Mentre noi siamo stati condotti nella sala d'aspetto.

Là abbiamo aspettato circa 15 minuti. Ci hanno portato all'incontro con Sua Santità il Dalai Lama molto prima dell'ora programmata. A mio figlio e a sua moglie li avevano detto che non si potevano fare foto e filmati, nel tempo che aspettavamo, ma io ho chiesto ad un assistente che era là e mi ha risposto che non c'era nessuno problema. Cosìcche mia moglie a preso fuori la macchina fotografica e mio figlio la telecamera.

"Oh, non capisco" ho pensato nel frattempo che venisse il turno per essere condotto da Sua Santità. Quando ci siamo strette le mani, mi sono ricordato che la prima volta che lo vidi fu 15 anni fa. Venne per parlare al Hotel Okura in Giappone. Ci andai insieme a mia moglie, ma dato che giungemmo tardi la sala era già piena e fummo costretti a vederlo da uno schermo presso una altra sala.

Con sorpresa alla fine è sceso tra il pubblico e a dato la mano a più di 1000 persone. Anche noi abbiamo aspettato il nostro turno. Mi ricordo che mi ha riempito l'anima quanto mi a stretto la mano. Allora le sue mani erano calde e delicate, esatto come adesso. Lo sentivo come un padre, nella misura in cui mi si riempiva e scaldava il cuore.

Nel nostro gruppo c'erano alcune persone che non conoscevo neanche io. Qualcuno di loro facevano delle domande però io ero così emozionato che non ho potuto dire nessuna parola. Però dovevo darli il regalo che gli avevo portato dal Giappone. Era una foto di un cristallo d'acqua dove era mostrato la parola ≥compassione‰

Dopo un pò, ho preso il coraggio e ho chiesto "posso dire anche io qualcosa?" e sono andato verso la Sua Santita il Dalai Lama, con questa foto incorniciata. "Vi ho portato questo regalo dal Giappone", ho mormorato. ≥Cos' e‚ ?" ha chiesto. Ero troppo emozionato per trovare le parole in lingua inglese. Per cui ho pregato al sig. Sokoloff, che si trovava vicino a noi, di spiegare di che cosa si trattava. Al sig. Sokoloff avevo già spiegato prima, per cui lui ha detto a Sua Santita‚ di quella foto e di me.

Quando la Sua Santità ha capito, la sua faccia si è illuminata e ha guardato la foto del cristallo. "Molto bello, straordinario!" ha detto piano. Come potete vedere nella foto sottostante, lui ha chinato la testa in segno di apprezzamento.

Sono rimasto sorpreso e ho guardato mia moglie in segno di aiuto, era il momento esatto in cui è stata fatta la foto. Non è stato per scortesia che la mia testa era più alta di quella di Sua Santità, ma successivamente quando ho piegato la testa più in basso della sua, penso che nessuno lo ha fotografato.

Credo che gli è piaciuta la foto con il cristallo della compassione, dato che mi ha messo il braccio sulle spalle e si è fatto fotografare insieme a me ed alla mia famiglia. Eravamo pieni di felicità dopo che siamo partiti dalla casa del sig. Sokoloff.

il sig. Emoto insieme con Sua Santità il Dalai Lama

In quei tre giorni che sono rimasto a Sun Valley, ho sentito permanentemente un stato di affinità d'anima con Sua Santità il Dalai Lama. Adesso, dopo che ho avuto la possibilità di stare vicino a lui e di parlargli personalmente, ho sentito che lo stato di unità con lui è diventato più forte. Anche se e‚ più anziano di me di solo 10 anni, lui mi ha ricordato mio padre, che è deceduto 40 anni fa. Mio padre che è deceduto... Sono sicuro che sono stato molte volte ammonito e c‚erano molte cose che non mi piacevano di lui però, adesso che non c'è più, continua a vivere come un santo dentro il mio cuore. I 20 minuti che ho passato insieme con Sua Santita il Dalai Lama mi hanno fatto pensare ≥oh, e‚ come un padre per me!"

Sig. Sokoloff, vi ringrazio perche‚ mi avete offerto la possibilità di trascorrere questi meravigliosi momenti.


* Lunedi 12 settembre, 2005  Compassione negli affari

Questa mattina, alle ore 9.00, ho avuto una conferenza e una sessione D&R (Domande e risposte) sostenuta da Sua Santità il Dalai Lama, dentro una tenda sistemata dal sig. Sokoloff. Gli invitati, circa 500 persone, erano amici e clienti del sig. Sokoloff. Il contenuto di questa conferenza è stato il seguente:


Sulla palco della tenda


COME MANIFESTARE LA COMPASSIONE NEGLI AFFARI

-Il valore della compassione, vista nel campo degli affari

-La motivazione è il fattore principale per andare nella direzione giusta

Per questo c'è bisogno di due elementi:

1. Avere completa cognizione della realtà

Intelligenza- la prospettiva completa di una area vasta e non ristretta, anche se gli ≥esperti‰ conoscono solo delle aree limitate. Capire la relazione sequenziale tra causa ed effetto.

2. La compassione

Sviluppare un senso di preoccupazione per l‚altro, fondato sul rispetto e non sulla misericordia. Poco a poco, questo svilupperà un senso di preoccupazione per l‚altro. La vera compassione è obbiettiva.

Prima, pratica il distacco da un gruppo di cose e poi sviluppa la compassione.

- Noi esseri umani abbiamo il seme della pura e vera compassione, indifferente di chi siamo noi.

- La furia, l‚ostilita‚, l‚arroganza sono dei blocchi all'esprimersi della vera compassione

-il senso della importanza di se = arroganza

- Quando sbagli un‚affare, puoi essere attaccato per questo. à Quando il tuo affare è di successo, non pensare che sei ≥cosi‰ bravo, capace, fino al punto di essere arrogante.

Il successo di un affare è una parte importante della comunità, in una economia globale.

I problemi dell'ambiente. à le tecniche di affari convincenti sono anche loro importanti

- la mancanza di abitazioni piene di compassione crea una società problematica. Questa mancanza di compassione crea un‚intera generazione di persone che non è capace di amore e di affetto vero.

- La competizione in affari:

2 tipi:

1."Volere realizzare piu cose e meglio" è normale per il motivo che qualcuno sente che "non vuole essere lasciato indietro". Questo motivo puo‚ essere anche produttivo.

2.Lo sfuttamento altrui

Dato che questo è lo scopo principale nel raggiungere la meta, allora è male e distruttivo. Indifferentemente che la competizione sia buona o negativa, questa è determinata da uno stato della mente che stà alla base della motivazione per realizzarla. La compassione può essere inclusa nella competizione.

---------------------------

Dopo, Sua Santità il Dalai Lama è andato a parlare di compassione ai bambini, nella stessa sala in quale ha sostenuto la conferenza di ieri. Ai bambini è stato precedentamente insegnato la compassione, per cui alcuni di loro hanno potuto scrivere di questo soggetto. Più tardi ho sentito che Sua Santità il Dalai Lama ha ascoltato con attenzione ed ha parlato personalmente con qualche bambino.

La sera, abbiamo avuto una festa nella stessa tenda nella quale è stata tenuta la discussione della mattina. Sono stato messo vicino a una persona inaspettata, al sig. e sig.ra Kempton, il senatore dello stato del Idaho. Può essere stato un piano premeditato dal sig. Sokoloff. Egli ha regalato il mio libro anche al senatore e mi ha detto che ha risonato molto bene con il libro.

Infatti, il senatore ha avuto molte domande per me, durante la cena. Siccome molte domande si riferivano alla relazione tra la preghiera e l'acqua, gli ho parlato circa una ora e mezzo con l'aiuto della mia segretaria, Kumiko.

Spero che il prossimo presidente assomigli a lui, questo è stato il mio pensiero alla fine di questa cena.


Con il Senatore del stato del Idaho


* Domenica, 11 settembre 2005  Il primo giorno a Sun Valley

Prima di raccontarvi di questo viaggio a Sun Valley, occorre che vi parli del sig. Sokoloff, un uomo di affari del Idaho, che ho incontrato a maggio dell'anno scorso.

Il sig. Raymond Sokolff è una persona misteriosa. Un giornale locale lo ha chiamato „un ricercatore di investimenti strategici”, però, quando lo incontri, puoi capire quanto è sincero e puro in realta’. Non era affatto come mi ero immaginato che può essere un uomo d'affari di successo.

La prima volta, lo ho incontrato quando mi ha presentato come relatore principale al festival di Sun Valley, il 27 maggio di questo anno. Avevo appena parlato al quartiere generale delle Nazioni Unite, la sera precedente poi mi ero svegliato alle 4 di mattina per arrivare da New York a Chicago, poi a Salt Lake e infine a Sun Valley. Ero molto stanco. Alla fine, sono arrivato in tempo al seminario che dovevo sostenere la sera stessa. La prima volta che lo ho incontrato, ho notato la sua altezza, il suo piacevole sorriso e che aveva una grande mano.

L' ultimo mio giorno a Sun Valley sono stato invitato a sua casa. Mi ha detto che inviterà Sua Santità il Dalai Lama per 11 settembre. Sarà una riunione con 10.000 persone, una riunione con bambini e un’altra con i clienti del sig. Sokoloff. Il sig. Sokoloff e Sua Santità il Dalai Lama sono buoni amici e lui a desiderato organizzare un incontro per la pace, questo per ricordare dopo 4 anni la ricorrenza del 11 settembre.

Per certe ragioni, mi ha convinto a partecipare a questo evento. Il sig. Sokoloff ha mostrato di essere un grande ammiratore dei miei libri „I messaggi nascosti dell’acqua”, egli ne ha circa 500 copie che vuole regalare ai suoi amici e ai suoi clienti. Mi ha detto che la mia filosofia dell’amore e della riconoscenza è la migliore strada verso la compassione. Per questa ragione ha desiderato che io incontrassi il Dalai Lama. Anche se non avevo una ragione speciale di essere nei Stati Uniti in quel momento e siccome io mi posso emozionare facilmente, ho accettato l’invito. E oggi partecipo a questa riunione di 10.000 persone insieme a mia moglie, mio figlio e la sua sposa, oltre a Richard e Cynthia dalla casa Beyond Words’.

Dalla Beyond Words’, Richard, Cynthia e loro dipendenti
Insieme con un famoso scrittore e sua moglie

Sul campo soleggiato, 10.000 persone si sono riunite per sentire parlare il Dalai Lama. Egli ha parlato nel modo seguente:

Altruismo e Compassione

- implicati completamente nella problema di qualcuno, però risolvilo con compassione e un con un dialogo pieno di significato.

- La vera compassione dovrebbe rappresentare, per prima, la compassione di se stesso, che puoi dovrebbe estendersi anche sopra agli altri.

E’ importante avere:

1. Fiducia in se stessi.

2. Rispetto di se stessi.

3. Speranza.

- Ricordatevi di essere coscienti di tutte le cose da una prospettiva più larga e siate realisti. Le percezioni che riguardano la gente sono il 90% esagerate e così sperimentano stati di negativismo, furia, paura e frustrazione.

- Il secolo 20 è stato il più violento e il più importante per noi , esseri umani. La gente diventa piu buona perchè, prima, non esistevano discussioni sui diritti della gente, sull'uguaglianza etc., adesso invece esistono.

- Guarda dritto con decisione e spirito pieno.

- Il secolo 21 è il secolo del dialogo e della compassione, alcune delle più importanti discussioni che dobbiamo affrontare sono: l’ambiente circostante, l'abisso tra i ricchi e i poveri.

- Adesso, sempre più uomini di affari combinano i valori spirituali, la moralità ed i valori importanti nei propi affari .

- Analizzate la realtà: sviluppate una certa convinzione; prima dovete transformare voi stessi e puoi potete transformare e capire gli altri.

Come risolvere i problemi:

1. Prima, guarda in te

2. Contatto con le persone:

- incontrati con delle persone istruite, esamina le differenze e le similitudini

- incontrati con i praticanti e scambiatevi le esperienze personali

- medita in tranquillità e dentro i gruppi di meditazioni

- i capi delle vari tradizioni si incontrino per parlare la stessa lingua: la pace dei quattro punti di cui sopra, sono utili quando promuovi l’armonia religiosa.

Se desideri transformare la comunita’, ricordati che siamo tutti uguali: gli stessi esseri umani; lo stesso potenziale...per cui fate dei cambiamenti!



Incominciando da oggi, inizio un nuovo viaggio intorno al mondo. Il programma è il seguente:

11-13/09 Sun Valley, Idaho, Usa - per partecipare al evento HH, al quale partecipa anche il Dalai Lama;

15/09 Amsterdam ˆ per vedere il mio nipote;

16-20/09 - tre seminari in Danimarca, a Copenaghen e nelle città vicine, per la prima volta in Europa del Nord;

21/09 - Barcellona. Spagna;

22-24/09 - Barcellona per partecipare alla conferenza Rio Bar Water;

25-27/09 - Tirolo, Austria, seminario a un gruppo di ricerca d'affari;

29/09 - rientro in Giappone.

Dopo una sosta a casa di due notti, partirò per un viaggio di 40 giorni nei Stati Uniti il primo di ottobre. E‚ come se mi fermassi per due giorni, solo per prendermi degli altri vestiti.

Molta gente è preoccupata per la mia salute, però io gli dico sempre: ≥Vi ringrazio, però non vi preoccupate. Io penso a me come ad una bicicletta, se mi fermo cado‰.

Potete credere che si tratta di un brutto scherzo, però questo pianeta si trova in un stato molto più brutto del mio, quindi se posso portare qualche cambiamento, non mi disturba affatto, andare in qualsiasi posto dove c'è bisogno.

Per quello che riguarda questo diario, mia figlia che scrive diari da 5 anni per la sua pagina web mi ha sottolineato che questi diari dicono qualcosa se sono scritti in prima persona. Non ha nessun senso se tu non ci scrivi mai. Quindi ho deciso di scrivere io questo diario. Mi auguro che vi soffermate sopra questo diario senza tante aspettative.


Paul Coleman, l‚uomo che ha fatto il giro del mondo a piedi, participerà al festival "Acqua per la Vita " del 16 novembre.

Noi e quelli di IHM abbiamo dato a Paul, quello che viaggia a piedi intorno al mondo piantando alberi, e alla sua finanzata, Konomi, il benvenuto a Kadokawa Shoten.

Il suo libro si intitola "Paul Coleman, un viaggio di 42000km a piedi ". Eravamo impazienti di incontrare questo attivista della pace e la sua finanzata, che ha scritto il libro.

Questo incontro è successo il giorno prima che sig. Emoto partisse per una lunga turne di seminari oltre oceano. In giorni come questo, negli uffici c'è molta agitazione, ognuno si muove per il suo lavoro e gli appuntamenti sono fissati al minuto.

Paul è entrato nell'ufficio pieno di attività febbrili, con stile ed il suo sorriso rilassato, insieme alla sua fidanzata, Konomi. Il matrimonio avrà luogo tra due settimane. Egli è una persona con i piedi per terra, con un portamento dritto ed un passo leggero.


Paul e Konomi

"Viaggio a piedi da 15 anni", ci ha detto lui. Ci ha spiegato che è sempre stato interessato al Rio degli Amazzoni, da quando era piccolo. Alla età di 34 anni ha deciso che vuole lavorare per l'umanita‚, per cui ha lasciato sua vita piena, si ha messo un zaino in spalla, ed è partito.

Da allora, egli viaggia a piedi. Ha camminato fino alla fine della Terra, nel Rio in Brasile. Per strada ha ricevuto il nome di Earth Walker.

Con un messaggio di pace e di piantare arberi, ha viaggiato da San Francisco fino alla guerra in Bosnia. Ha camminato 6000 km in Inghilterra e ha piantato 2000 arberi per la memoria di 160 bambini che sono morti a Sarajevo. Ha prommeso di piantare 100 milioni di arberi per la gente che è morta nelle guerre del secolo XX. Dall' Inghilterra a tutta l'Europa, dalla Giordania, all'Africa del Sud. E‚ partito dalla cella nella quale è stato rinchiuso Nelson Mandela, da Johannesburg fino in Cina.

Konomi dice che le dita dei piedi di Paul sono ritorti verso l'interno come per prendere la terra e sono molto duri.

Nel 2004, Paul ha ricevuto il premio "Il Cuore dell' Umanità" lo stesso premio che ha ricevuto anche Sua Santità il Dalai Lama. Paul ha participato alle preghiere per la pace nel mondo. Dalla cima del monte Fuji fino a Hiroshima e a Nagasaki. Egli ha tenuto anche un discorso all'Esposizione Mondiale in Nagoya. Ha camminato fino a Okinawa chiedendo la riforestazione. Li, lui e Konomi si sono avvicinati di più ed hanno imparato anche altre cose l'uno dell'altro.

Nel suo libro, Paul spiega che non sono importanti la distanza che ha fatto o il numero di arberi che ha piantato. Quello che conta di più è che piu gente sappia della mia missione e che vogliono agire come lui.

Voglio che il popolo giapponese si svegli. Loro sono quelli tra cui voglio scegliere i capi di questo movimento.

Sulla fronte, lui ha una cicatrice che Konomi gli ha fatto a posta per lui. Si tratta del carattere cinese che rappresenta l‚energia. "Si nota, è così?" Voglio che la gente venga da me a parlarmi, quando mi vedono‰. Ha spiegato lui.

Gunter e Paul saranno presenti insieme al festival "Acqua per la Vita" che avrà luogo il 16 novembre. Vi chiedo di venire ad ascoltare i loro discorsi e anche quelli del sig. Emoto.


ricevendo un regalo dal sig. Emoto


La foto "dell‚amore tra moglie e marito" come regalo

L' Editore della rivista Hado : Tusneko Narukage


* Giovedi, 8 settembre 2005 Una visita da parte di Gunter Pauli

Gunter Pauli, Il superman del 21 secolo partecipera’ al festival „Acqua per Vita” del 16 novembre.

Non puoi mai sapere quando appare l’occasione di pubblicare un articolo per la nostra rivista Hado. Cosi, questa volta, il sig. Emoto ha avuto due ospiti da oltre oceano, prima di partire per Sun Valley per l’evento del 9/11 settembre.

Lasciando i dipendenti che lavoravano alla pubblicazione del numero di ottobre della rivista Hado, ho sperato di prendere un Shinkansen. Sono stato molto emozionato di incontrare Gunter Pauli, l’uomo del quale, la primavera scorsa, mi sono convinto che e’ „il Superman del 21 secolo”.

Come annunciato, il Superman e’ arrivato quel giorno. Il Sig. Emoto e Gunter rispettano reciprocamente il loro lavoro e l’incontro si e’ svolto come una riunione tra due amici. Gunter ha parlato delle foto di cristalli che hanno ascoltato la musica africana, l’evento che l’organizzera’ in Africa del Sud in settembre, l’anno prossimo ed al quale e’ stato invitato anche il sig. Emoto. Lui provera’ a fissare un appuntamento per sig. Emoto con il presidente Mandela.

Anche il sig. Emoto ha comunicato le sue idee sul vicino evento del 16 Novembre.

Passi della conversazione di Gunter:

Gunter: Il mio nuovo progetto al quale lavoro adesso e’ quello di creare un centro in USA per dimostrare che le cose che dico sono vere.

La California e’ uno degli stati che ha i piu grandi consumi di acqua. Loro raccolgono l’acqua dagli stati vicini Arizona, Colorado e Nevada. Pero’ la sprecano ogni giorno inquinandola e riversandola in mare.

Un amico ci ha donato un terreno di circa 80 acri in Santa Barbara, una citta’ che si trova a nord-ovest di Los Angeles. Quella zona e’ molto arida e non ha nessuna risorsa di acqua. Sono rimasto li 10 giorni e ho camminato nei dintorni. Posso dire dove e quanta acqua c’e li, data la vegetazione di quella zona. Dopo l’investigazione che ho fatto, mi sono reso conto che l’acqua puo essere compensata. In questa zona, piove solo due-tre volte l’ anno. Pero’, se questa quantita di acqua non la sprechiamo ce ne sufficente anche per avere ognuno la propria Jacuzzi.

Emoto: Wow!

Gunter: Ho promesso al mio amico che faro’ acqua prima di creare il centro.Tutta la gente dallo Stato pensa che li non esiste acqua. Tutti pensano che la terra e’ troppo arida per poter vivere li. Una volta che ci sara’ acqua e si fara’ questo centro, penso che gli americani capiranno che quello che dico e’ realizzabile. Cerco di creare un centro che ha questo tipo di messaggio forte.


Gunter che condivide il suo sogno

La conversazione e’ continuata con il „Progeto Emoto”, di un albero di caffe che cresce all’ombra. Etc. La conversazione e’stata interessante fino a che e’ arrivato il prossimo ospite.(vedi il numero del mese di novembre della rivista Hado)

Tuneko Narukage


inizio pagina

prima pagina


::::::::::Copyright(c)2003 Masaru Emoto All Rights Reserved::::::::::